lunedì 8 gennaio 2018

Arancine (...tte) di scorza d'arancia alle mandorle

DSC_0924Queste piccole “arancinette”sono dei deliziosi e semplici bonbon ottenuti con le scorze e il succo d’arancia, con la sola aggiunta di zucchero e aromatizzate con una piccola parte di farina di mandorle.
Volendo si può  aggiungere all’interno una  goccia di cioccolato fondente.
Sono molto simili alle  Palline di buccia d'arancia   da cui differiscono per la presenza del succo d’arancia e farina di mandorle tra gli ingredienti.DSC_0920Ecco le dosi, moltiplicabili a piacere e il semplice procedimento:

scorza di due grosse arance non trattate
Succo di mezza arancia
zucchero
1 cucchiaio colmo di farina di mandorle
(o una manciata di mandorle pelate ridotte in polvere)
Lavare e spazzolare bene le arance, quindi ricavare la buccia, cercando di evitare la parte bianca.
Bollire la bucce mettendole in  acqua fredda, quindi ripetere il procedimento (se non avete fretta trattate le bucce come per le palline, il link è più sopra), scolare e strizzare.
Pesare le scorze e pesare poi una quantità equivalente di zucchero, tritare finemente a mano o nel mixer le bucce (io le ho frullate insieme a parte del succo)   ed unire lo zucchero, la farina di mandorle e il restate succo ponendo tutto in una pentola a fondo spesso.
20180102_121821  20180102_124246
Mescolare, mettere sul fuoco medio/basso e lasciar cuocere mescolando spesso  fino a quando non diventa tutto compatto.
Lasciar raffreddare e poi formare delle palline, rotolarle nello zucchero e metterle nei pirottini.
 DSC_0928   DSC_0925

venerdì 5 gennaio 2018

ASSAPORITO E GUGLIELMO VUOLO APRONO INSIEME A VERONA

Vuolo1

da oggi Bottega del Gusto e Pizzeria. La tradizione napoletana arriva nella città di Giulietta e Romeo

Apre ufficialmente a Verona il 5 gennaio la nuova struttura che vede la partership fra Assaporito di Marco Dolci e il maestro pizzaiolo napoletano Guglielmo Vuolo. Una Bottega del Gusto e una Pizzeria che si sviluppano in un’unica struttura di 350 metri quadrati su due livelli rinnovata dall’architetto Luisa Masciantonio. In Viale del Lavoro, a due passi dalla Fiera, Dolci e Vuolo porteranno tutto il gusto del Sud, l’uno con una selezione di ingredienti gourmet e l’altro con la sua pizza che lo vede, da formatore e consulente, in giro in tutto il mondo.
Vuolo3  Vuolo4
Assaporito, la Bottega del Gusto, sarà aperto dal mattino con le colazioni e proseguirà la sua attività come punto vendita di eccellenze del territorio campano: dal Pomodoro alla Mozzarella di bufala – con arrivi freschi due volte la settimana. Non mancheranno i fritti (crocchè, arancini e frittatine), il pane, la pasta di Gragnano e il caffè. A mezzogiorno e alla sera sarà attiva la pizzeria di Guglielmo Vuolo.
“In questi anni abbiamo sempre cercato di soddisfare le richieste della nostra clientela, con una attenzione ai tanti meridionali in cerca dei sapori autentici di casa – dichiara Dolci, forte della sua esperienza più che decennale con Assaporito a Brescia – da oggi completiamo la nostra offerta grazie alla partnership con un artigiano di indiscusso valore: il Maestro Guglielmo Vuolo”
  Vuolo5  Vuolo14-768x1024
Con la sua Pizzeria di Verona, che si affianca al locale storico di Casalnuovo dove lavorano i suoi tre figli pizzaioli, Vuolo inizia le celebrazioni dei suoi 50 anni di attività. Pizzaiolo verace strettamente legato alla più squisita tradizione, ma anche curioso ricercatore, a Verona porta le novità che ha maturato in questi anni. Ci saranno dunque la Carta dei pomodori, una selezione di varietà rare e note da cui scegliere il proprio pomodoro preferito per condire la pizza, l'impasto all'acqua di mare, oltre alle pizze per la salute studiate con bioterapisti nutrizionali.
La Pizzeria sarà improntata all’interattività con il cliente, con alcuni posti a sedere direttamente a ridosso del bancone, per non perdersi nessun passaggio della preparazione delle pizze. Ma anche dal piano superiore, che ospita la sala, si potrà seguire il Maestro al lavoro, grazie a uno schermo che proietterà in tempo reale le immagini. Un modo nuovo di raccontare la pizza.

Assaporito
Guglielmo Vuolo Verona
Viale del Lavoro, 32A
Negozio Tel 045583578 cell 348 797 2979
Pizzeria Tel 045 502 438 cell 333 714 9015
Dal 5 gennaio aperti a pranzo e a cena tutti i giorni eccetto il lunedì

Assaporito
Assaporito è presente a Brescia dal 2003, con grande riscontro di pubblico.
La sua attività è caratterizzata da arrivi bisettimanali di prodotti freschi dal meridione d’Italia ( in particolar modo dalla Campania), in primis mozzarella, pane, salsiccia fresca, salumi, dolci e verdure; la vendita avviene principalmente nei giorni di arrivo dei freschi, garantendo un ottimo livello di qualità. Anche la merce a scaffale è ben assortita: vino, prodotti da forno, pasta artigianale, sottoli e conserve e molto altro ancora. La selezione dei fornitori avviene tramite conoscenza diretta da parte dei titolari con visite presso le aziende produttrici. Alla commercializzazione dei prodotti si affianca la caffetteria, in collaborazione con Caffè Kenon, l’oro di Napoli.
La mission di Assaporito, a Verona come a Brescia, è diventare punto di riferimento per i meridionali e non, che desiderino acquistare i prodotti come se fossero nel loro negozio di fiducia a Napoli.

Guglielmo Vuolo
Classe 1960, napoletano, Guglielmo Vuolo è un pizzaiolo di lunga tradizione familiare che vanta cinquant’anni di attività nella lavorazione della pizza napoletana. Dai primi passi compiuti al fianco del padre Enrico a soli otto anni ad oggi, Vuolo ha collezionato innumerevoli start up di successo nel mondo, pizza cooking, laboratori, test di prodotti, corsi e, soprattutto, milioni di ore di lavoro al banco su impasti e farciture.
È autore della prima pizza italiana con acqua di mare a basso contenuto di cloruro di sodio ma più ricca in potassio, e della prima Carta dei Pomodori© di un locale italiano. Un vademecum per conoscere e scegliere le più note e rare varietà di pomodoro campano in produzione e una selezione cui ha dedicato il docufilm Pummarola Tour.
La pizza di Vuolo, con lievitazioni che vanno dalle 12 alle 24 ore, fatte a temperatura ambiente come vuole la tradizione verace napoletana, è proposta ogni giorno in tre impasti per assicurarne la perfetta fragranza e digeribilità.
Per il suo impegno nella valorizzazione delle produzioni in via di estinzione, tra cui i Presidi Slow Food, è inserito nella Alleanza dei Cuochi e Pizzaioli. Sin dalla edizione 2014, la Guida Pizzerie del Gambero Rosso lo colloca nel firmamento nazionale della pizza italiana premiandolo con i Tre Spicchi.
È Consigliere nazionale, Fiduciario regionale e Capo Istruttore della Associazione Verace Pizza Napoletana (AVPN).
Il menù di Vuolo a Verona punta alla creazione di un best of delle sue creazioni e idee.
Tra le proposte in carta un Menù degustazione di pizza verace napoletana, che include la sua celebrata Marinara con il pomodoro della sua Carta dei Pomodori, e un altro che il Maestro ha battezzato “Come mi vuoi semintegrale”, nel quale gioca con il costume di farcire a crudo la base di pizza italiana.
Per il resto, si parte, doverosamente, con le pizze Classiche per arrivare alle Creazioni originali, al forno e fritte. Tra le prime alcune pizze che hanno reso memorabili menù del Maestro: con i sapori di Mare omaggio al Golfo e alla città di Napoli che gli ha dato i Natali e quelli che attingono all’Entroterra campano.
Tra i fritti - oltre alla classica Pizza Fritta napoletana e all’imperdibile tris “Crocchè, Arancino e Frittatina” - ci saranno gli “Scugnizielli Vuolo”, conditi in tanti modi, ma anche altri “morsi di pizza” nuovi, frutto della declinazione in chiave moderna dell’arte del friggere che appartiene a Vuolo da generazioni: i “Bottoni di pizza fritta”, la “Tartare di pizza” e le “Arepas napoletane”, ad esempio.
A farcire la pizza ingredienti di alto artigianato alimentare e i Presidi Slow Food selezionati in questi anni e accostati, inoltre, per creare una tra le prime Pizze For Change di un locale italiano, una ricetta che si ricollega alla iniziativa di Slow Food International “Menù for change” e che è amica del clima.
Nel bicchiere di Guglielmo Vuolo a Verona, una selezione di vini campani ben godibili con le se pizze e le birre del Birrificio napoletano Kbirr. Mentre i dolci, oltre alle creazioni di pasta di pizza firmate dal Maestro, sono quelli del Maestro Pasticcere napoletano Marco Infante, anche lui di una famiglia che grande lustro da alla città e inesauribile creatore di bontà.

martedì 2 gennaio 2018

Il gelato al salmone affumicato

DSC_0783Piacevolissimo in estate, gradevole in inverno, il gelato negli ultimi anni viene proposto sempre più spesso anche in gusti “salati”, detti anche gastronomici.
La versione salata è  molto apprezzata anche dai grandi chef,  che spesso accompagnano una pietanza calda con una pallina di gelato creando un interessante contrasto caldo freddo, ma spesso diventa anche un antipasto.
La semplice ricetta al salmone che vi propongo oggi è interessante da accompagnare a un panettone anch’esso salato per esempio, o con fettine o pezzetti di pan canasta, magari leggermente tostati e appena tiepidi.
Pochi ingredienti di qualità e avrete un gelato che stupisce e appassiona, non solo per feste e buffet, ma anche per una coccola personale…diventare più egoista è tra i buoni propositi futuri… Winking smile
Il procedimento può risultare un po’ lungo per via dei tempi di riposo e infusione, se proprio andate di fretta potete abbreviarli un po’.
Grazie a Pina Molitierno  per avermi dato questa ricetta.

Ingredienti:
550 ml di latte
150 ml di panna fresca
200 g di zucchero
150 g di salmone affumicato a pezzetti
sale
50 g di miele d’acacia
Scaldare il latte e la panna, unire zucchero e sale, e mescolando portare a una temperatura tra i 70° e gli 82°massimo (non far bollire)
Mescolare qualche minuto a fuoco spento travasare in un recipiente, coprire con pellicola a contatto, lasciar raffreddare un po’ quindi mettere in frigo da 2 a 6 ore.
Unire il salmone a pezzetti, mescolare e lasciare in infusione  6 ore o il tempo che avete, quindi frullare unendo il miele a filo, mescolare bene e mettere in gelatiera.
Servire accompagnando con  panettone gastronomico o salato o pan canasta, magari appena tostati e tiepidi, decorando con polvere di semi misti o come preferite.

DSC_0791

venerdì 29 dicembre 2017

Basilico Italia, a Sorrento: il ristorante in un cinema

logo Basilico ItaliaAttendere l’orario giusto della proiezione di un film, spizzicando un “cuoppo” di fritti sfiziosi e ben fatti (subito pronti anche durante l’intervallo),  nell’attesa o successivamente alla visione del film mangiare una buona pizza o fare una buona spaghettata in compagnia, in un ambiente accogliente e coloratissimo, senza spostarvi altrove  ma nel  foyer del cinema stesso in cui vi trovate.

DSC_0687 DSC_0685
DSC_0688  DSC_0691
A Sorrento, lo storico cinema Armida che attualmente oltre la sala grande propone anche altre due sale più piccole, da qualche mese offre questo tipo di servizio, con prodotti di qualità e di assoluto animo mediterraneo, principalmente dalla Campania: dalla farina del Mulino Caputo ai pomodori Ciao. Dai formaggi di Agerola al vinello frizzantino  di Gragnano. Locale anche l’olio, prodotto dal vicino  frantoio Gargiulo e il limoncello sorrentino.
DSC_0666  DSC_0684
DSC_0660  DSC_0671
Basilico Italia, questo il nome del ristorante pizzeria, nasce dall’idea del proprietario Maurizio Mastellone, amante del cinema e della buona cucina, di unire le sue principali passioni, offrendo, proprio nel foyer dello storico cinema,  un servizio innovativo e creando il nuovo brand “Basilico Italia, Pasta Pizza, Cuoppo” che diventerà un franchising nazionale che si proporrà oltre che in cinema e teatri anche in locali notturni e discoteche.
Il colorato pavimento è quello originale dalla fondazione del cinema, nel 1952, anche i due forni a legna sono rivestiti con mattonelline originali  che erano state conservate all’epoca.
DSC_0661  DSC_0662
In menù i primi della tradizione napoletana, ad esempio spaghetti al pomodoro o pasta col sugo alla genovese, con pasta fresca.
Classiche  anche le pizze, con impasto a lunga maturazione e leggermente più “panoso” delle tradizionali napoletane, ma ugualmente ottime.
Superba la “Salsiccia e friarielli”, buona la margherita.
Autoprodotti  i dolci “della casa”, come la classica pastiera, in versione sorrentina, con l’aggiunta di crema.
DSC_0674 DSC_0676
DSC_0683  DSC_0678
Coccole finali, i deliziosi cioccolatini al basilico e il liquore al basilico.
Basilico Italia è aperto a pranzo e a cena, pronto a soddisfare anche la clientela  internazionale,  è ideale per festicciole per bambini o riunioni di affari ed offre servizio a domicilio, con motorini attrezzati con portapacchi riscaldati.
qui l’album completo.

Basilico Italia
Corso Italia, 217
Sorrento
info@basilicoitalia.it
081 877 2048
https://www.facebook.com/basilicoitalia/

martedì 26 dicembre 2017

Mercatini di Natale in Trentino Alto Adige

DSC_9731Dall’Avvento all’Epifania in Alto Adige si respira un’aria particolare  e si vive un’atmosfera festosa: è il periodo dei famosi  mercatini di Natale in quelle località circondate delle Alpi e dalle Dolomiti,  e in quel periodo si vestono di un fascino unico e caratteristico, come caratteristici sono  i profumi di spezie nell’aria, i grandi e curatissimi addobbi di case e palazzi, il vin brûlé che si può gustare abbinandolo a specialità dolci e salate, magari scaldandosi al fuoco di uno dei tanti camini disseminati lungo i percorsi dei mercatini;  il freddo qui è pungente ma secco, basta coprirsi bene!
DSC_9585   DSC_9586
Merano e Bolzano, il capoluogo del Trentino, sono tra i posti che offrono questa atmosfera unica che diventa magica con le luci preserali  del tramonto, dal 24 novembre scorso fino al giorno dell’Epifania ed è possibile tra l’altro prendere parte alle varie manifestazioni ed eventi a tema per grandi e piccoli che si organizzano durante tutta la durata dei mercatini, comprese visite guidate.
Grande attenzione per l’impatto ambientale con attrezzature a risparmio energetico, o incentivi per chi usa  mezzi pubblici di trasporto (sostenibili) precisissimi e convenienti (con l’acquisto delle card disponibili in vari tagli),  mentre se arrivate in macchina si parcheggia agevolmente nei parcheggi a pagamento, vicinissimi alle aree  pedonali

DSC_9769   DSC_9620
Nelle casette vendono  prodotti unici prevalentemente di piccoli artigiani locali, e  si possono gustare  tantissimi prodotti gastronomici altoatesini, dai famosi salumi al pane locale variamente insaporito,  dai bretzel alle zuppe. Non mancano offerte  offerte bio, vegetariane e senza glutine insomma ce n’è per tutti, anche per i più golosi che troveranno tanti dolci tipici, dagli strudel alle “strauben” deliziose frittellone di un impasto dolce che viene fatto colare attraverso uno strumento che assomiglia un imbuto direttamente nell’olio bollente e vengono servite poi con confettura di mirtilli o cioccolato fuso…
 DSC_9780 DSC_9599
A Merano, che quest’anno festeggia i 25 anni di mercatini, si può anche pranzare o cenare in piccole salette a forma di palline da albero di natale.
DSC_9594 DSC_9595
Sempre a  Merano,   dopo una bella pattinata sul ghiaccio in piazza Terme  fate un salto alle famose terme che sono là davanti la pista di ghiaccio: abbandonatevi alle acque termali calde o fredde delle vasche con idromassaggio delle varie piscine interne ma  anche delle meravigliose piscine all’aperto, godendo contemporaneamente del panorama dei monti che la circondano, uno spettacolo unico e suggestivo specie al tramonto, ma ricordate non sono ammesse macchine fotografiche o telefonini.
DSC_9657 20171128_103137
A Bolzano il mercatino è un po’ più ricco e assortito, se il tempo lo permette giungete in città di buon mattino e con la funicolare, mentre ammirate il panorama della città che si allontana sotto di voi e delle vallate che si “scoprono” via via che si sale, raggiungete Soprabolzano sull’altopiano del Renon, dove il trenino locale la cui linea è stata inaugurata nel 1907, percorrerà  in poco tempo la linea ferroviaria tra le baite e i boschi  fino a Collalbo (con un  biglietto unico che permette di girare con i vari mezzi pubblici)
DSC_9673  DSC_9680
DSC_9694  DSC_9685
Oltre le stazioni che fanno da capolinea, ogni villaggio ha la sua piccola stazione, che è una capanna in legno, spesso sul ciglio della linea ferrata. Il panorama è  unico ed affascinante e una  passeggiata in questi piccoli villaggi  sarà rilassante: il traffico veicolare qui è pressoché inesistente…
DSC_9720  DSC_9716
DSC_9717   DSC_9744
Al ritorno dal giro in trenino  è d’obbligo al giro al mercatino nella splendida Piazza Walther di Bolzano, per strada è facile imbattersi nei personaggi a grandezza “umana” di una nota azienda di oggettistica in ceramica; anche qui tra le bancarelle è impossibile non gustare le specialità locali o fare poi un giro più ad ampio raggio in città, tornando alla base carichi di acquisti.
DSC_9719  DSC_9741
DSC_9734   DSC_9735
Fino all’Epifania, per quest’edizione dei mercatini, volendo siete ancora in tempo, se pensate di fare solo un giro per mercatini due o tre giorni possono bastare, ma se desiderate approfondire anche l’aspetto storico di questi posti che è notevole, è consigliabile programmare qualche giorno in più (magari in primavera!)
qui l’album di Merano
qui l’album di Renon e Bolzano

www.mercatini.merano.eu
www.mercatinodinatalebz.it