sabato 28 maggio 2016

A Napoli il primo menu in “Braille” grazie alla pizzeria ristorante “Franco”

DSC_5481La cura e l’attenzione verso una fascia particolare di clientela, ha dettato a Franco Gallifuoco, pizzaiolo e “boss”della pizzeria ristorante “Franco” (attigua alla Stazione Centrale di Napoli)  l’esigenza di avere nel suo locale un menù scritto anche in Braille e fruibile non solo ai non vedenti ma anche agli ipo-vedenti.DSC_5455La lodevole iniziativa, che per Napoli e la Campania è la prima in assoluto è stata presentata alla stampa alcuni giorni fa, in occasione del lancio del menù estivo.
I menù sono stati “testati” e appovati dal presidente nazionale U.N. I.vo.C (l’Unione Italiana Volontari pro ciechi) Salvatore Petrucci, presente alla serata, che ha fortemente apprezzato l’iniziativa auspicando che sia da esempio anche ad altri esercizi.DSC_5459Altra novità che propone Franco, fiero anche della numerosa clientela internazionale che ogni giorno frequenta la pizzeria, e considerato l’uso ormai abituale di tablet e smartphone, è un’”app” da scaricare gratuitamente che propone il menù  multilingue, accompagnando le descrizioni con le foto dei piatti in carta.
Per la serata di presentazione alla stampa sono state proposte alcune delle novità previste dal nuovo menù che comunque conserva i piatti della più classica tradizione napoletana.DSC_5465Tra le nuove idee in carta uno stuzzicante antipasto costituito da una personale interpretazione dell’insalata caprese, ossia un gelato salato in verrina,  composto da “Panna cotta al pomodoro, con cremoso di mozzarella di bufala Dop, gelèe al basilico e olio extravergine di oliva” creato in esclusiva per Franco dalla maestra gelataia Pina Molitierno di Vanilla Ice Lab.
Questo il menù della serata che ha fatto seguito alla “verrina Caprese”:

Frittatina Zucca, provola di Agerola e pepe DSC_5488“ricotta e pera”: Fior di latte di Agerola e all’uscita ciuffetti di ricotta di pecora, pepe, pera grattugiata, olio evo e basilico
DSC_5496 DSC_5499
“Pàura”  Pesto alla menta e mandorle, involtini di lardo di Colonnata e fior di latte di Agerola, cioccolato fondente e olio evo (dedicata a Laura Gambacorta, presentatrice della serata e a PIna Molitierno)

DSC_5507Ripeno Fuoco e Mare; ripieno al forno,  in crosta di formaggio di cozze saltate in padella, ‘nduja di Spilinga e olio evo.DSC_5523Assaggio di Margherita e Marinara.20160515_180642In conclusione a precedere il sorbetto di lampone con frutti di bosco pochèè e uno strepitoso gelato al cioccolato fondente oltre il 70%, una sorpresa succulenta andata subito a ruba: la pizza fritta con ripieno di gelato al cioccolato, che col caldo è ovviamente diventato una crema golosissima….

DSC_5526 DSC_5534

DSC_5540 DSC_5544

qui tutte le foto della serata.

Pizzeria Ristorante Franco
Corso Arnaldo Lucci, 195/197
Napoli
Tel. 081 5541892
www.ristorantepizzeriafranco.it
Aperto tutti i giorni a pranzo e a cena

mercoledì 18 maggio 2016

Dal 19 maggio a Vietri sul Mare nasce “Sette – Cuochi e Fuochi”, ristopub 2.0 con materie prime selezionate

PicMonkey CollageDa giovedì 19 maggio, a Vietri sul Mare e precisamente a Marina di Vietri, all’inizio  della Costiera Amalfitana conosciuta anche coma “Divina Costiera” ci sarà l’apertura di “Sette – Cuochi e Fuochi”, il ristopub 2.0 dei fratelli Mario e Alberto Arino, storici fondatori de La Caraffa di Napoli.

DSC_5164Ai ”fuochi” Marco Iavazzo che, nonostante sia giovanissimo, ha al suo attivo diverse esperienze presso chef stellati di varie zone d’Italia. Materie prime di qualità a prezzi accessibili e design originale dei piatti fanno di Sette un esempio di ristorazione moderna in Costiera amalfitana, con piatti di influenza europea (ma con riferimenti anche al territorio) grazie anche alle esperienze all’estero dello chef (che produce in sede i vari tipi di pane),  godibile non solo durante la stagione estiva, godendo  anche del “dehor” vista mare, ma per l’intero anno e per tutto il giorno.
Il risto pub infatti,  rivolgendosi ad un pubblico vario,  non solo locale ma anche internazionale sarà aperto sin dalla mattina con l’offerta di una colazione di tipo “anglosassone”, completata da smoothies, spremute e macedonie ottenute da frutta bio; sarà inoltre possibile fruire di una sala dove gustare distillati.

DSC_5157  DSC_5159
Sette, il nome scelto dalla società di comunicazione marketing BreakPointADV che ha seguito tutto il progetto, si ispira al numero considerato magico e perfetto sin dall’antichità  in tutte le religioni e in tutti i campi delle attività umane e fortemente legato anche alla scaramanzia partenopea.
Sette sarà, infatti, il numero delle portate disponibili per ogni voce del menu dagli antipasti ai panini e ai dolci. Il payoff “Cuochi e Fuochi”, invece, sottolinea la presenza, accanto alla cucina di Iavazzo, di una griglia per carne e pesce con cui si darà vita a piatti indicati in carta come “7 fuochi della Terra e del Mare”.
In carta anche vini nazionali e birre commerciali o artigianali.
qui le foto della presentazione alla stampa.

“Sette – Cuochi e Fuochi”
Via G. Pellegrino, 170
Marina di Vietri sul Mare (SA)
0899951704
info@7cuochiefuochi.it

martedì 10 maggio 2016

Giappo: anche a Castellammare di Stabia

Dal 5 maggio scoso anche Castellammare di Stabia ha un risto-Giappo.

PicMonkey CollageIl franchising specializzato in cucina giapponese, ha aperto in questi giorni
in Via IV Novembre 33-35, il suo decimo locale. Segni particolari: tre giovanissimi soci ed un ambiente decisamente trendy. Martina Maiello e Raffaele Tommasino affiancati dalla blogger bolognese Giulia Gaudino, hanno interpretato il nuovo stile Giappo ricavando, dai loro caratteristici spazi, una sala tatami ed un piccolo tempio zen.

DSC_5294 DSC_5298
Il format Giappo nasce da un'intuizione di Enrico Schettino, giovane imprenditore napoletano che, abbandonata la professione di avvocato, ha concretizzato la passione per il Sol Levante, in un'attività di successo. " Il mio obiettivo era di creare qualcosa di unico che soddisfacesse gusti diversi; trovare l’armonia fra tradizione e innovazione. DSC_5313Il Sushi è benessere, bellezza e tendenza, il nuovo locale ne è la piena espressione - dichiara Schettino. - Nel nostro menu c'è pesce crudo, cotto, carne, verdure e dolci. Il design dei locali è moderno ed essenziale per esaltare al massimo, sia la cucina nipponica contaminata con quella occidentale, che i piatti a base di pesce crudo, fondamenta della cultura culinaria giapponese e specialità della cucina Giapponese.
qui le foto della serata.