il bianco mangiare


Questa ricetta è già stata pubblicata qualche tempo fa, la  ripubblico per partecipare al contest dolci al cucchiaio di Dolci a GogòOLYMPUS DIGITAL CAMERA
Il Bianco Mangiare è un dessert piuttosto antico, conosciuto già nel medio evo, è tipico soprattutto della Sicilia, dove pare sia stato portato dai musulmani intorno al XI secolo.
I primi cenni del biancomangiare risalgono al medioevo e non attengono a una crema ma a una modalità di cottura dove predomina un'esigenza di un colore bianco. Questo colore lo si otteneva sia con mandorle, ma anche con riso o farina di riso, latte o anche petto di pollo....e zucchero.
Due le ricette più famose e abbondantemente citate.
Biancomangiare al modo catalano tratto dal Libro de arte coquinaria di Maestro Martino (che di versioni ne  dà  4 e tutte senza zucchero...una addirittura per i tempi di magro con brodo di piselli, carne di luccio e addensata con mollica di pane e agresto).
e De Blanmangieri del Liber de coquina
entrambe del secolo XIV.
(fonte: Giustino Catalano, Food Consultant)
Vincenzo Corrado, nel Cuoco Galante ne da una versione “gialla” con latte ed uova, e una “bianca” con latte di mandorla e l’aggiunta di latte “animale”.
Nell’antica contea di Modica era preparato con latte di mandorla, una versione tutt’ora conosciuta.
Il Cavalcanti invece lo chiama “janco magnà” e la sua versione è con le uova.
Ci sono versioni con colla di pesce o con amido, arricchite con savoiardi o frutta, pistacchi o cannella…
Insomma un dessert dalla piacevole consistenza budinosa, molto versatile e di effetto, benché di semplice preparazione.
La versione che vi propongo, è fatta con latte di mandorla e decorata con pistacchi, ma ne ho fatto anche un bicchierino con cannella.
Ecco le dosi:
Per 2 coppette:
250 ml di latte di mandorla (non zuccherato)
25 g di amido
50 g di zucchero eridania
una cucchiaiata di granella di pistacchio di Bronte Dry fruit
(eventualmente cannella in polvere)
In un pentolino mettere lo zucchero, setacciare l’amido e mescolare, questo vi eviterà grumi, quindi diluite col latte di mandorla  mescolando con la frusta o meglio, col cucchiaio di legno,  mettere a fuoco lento, e continuando a mescolare, fare addensare la crema fino al primo bollore.
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Sistemare nelle coppette inumidite e passare in frigo un paio d’ore fino al completo rassodamento, quindi decorare con la granella di pistacchio.
La rosellina centrale è ottenuta con un piccolo quantitativo di composto rassodato  in uno stampino di silicone, mentre per il bicchierino, la granella di pistacchio è stata amalgamata alla crema cotta e messa nel bicchierino e una volta rassodata in frigo, è stata decorata con cannella in polvere e pistacchio oltre che con pezzetti di stecca di cannella: entrambe le versioni deliziose!!! Con la lingua fuori
OLYMPUS DIGITAL CAMERA  OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA           OLYMPUS DIGITAL CAMERA
fissler

Commenti

  1. Sì sono d'accordo che siano ottime entrambe le versioni, anzi le assaggerei volentieri tutte e due :)

    RispondiElimina
  2. la storia la conoscevo,le due versioni mi fanno veni voglia di assaggiarle...buona domenica!

    RispondiElimina
  3. La tua versione sembra davvero ottima e complimenti per la presentazione :)

    RispondiElimina

Posta un commento