Le graffette (ricetta di Peppe e Francesco Guida)

OLYMPUS DIGITAL CAMERA            OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Di pasta cresciuta, fritte in olio caldo ma non bollente, e poi passate semplicemente nello zucchero o arricchite con crema o confettura, le Graffe  o Zeppole,  a Napoli e dintorni, sono un’altra delle tipicità non solo come cibo da strada ma anche nei banchi delle pasticcerie, che le offrono  principalmente a colazione, anche se si trovano a tutte le ore.
Dalla classica forma a ciambella o tondeggiante (dette in questo caso anche “bombe” o “Bomboloni”) sono diffusissime anche in versione mignon come fine pasto, particolarmente nelle pizzerie, e addirittura anche nei ristoranti stellati.
La ricetta che vi propongo oggi, caratterizzata da una lunga lievitazione (in tre fasi) e una particolare morbidezza, è proprio quella di un ristorante stellato, “"L'Antica Osteria Nonna Rosa” di Vico Equense.
Qui Peppe  Guida e suo figlio Francesco,  le offrono come dolcezza finale, semplicemente passate in zucchero e cannella oppure completate con crema pasticcera e amarene.
Da Teresa trovate la ricetta originale, ma essendo eccessiva per me ne ho fatto la quinta parte ottenendo 12 ciambelline, passate poi semplicemente nello zucchero e cannella.
Queste le dosi e gli ingredienti che ho usato io:
200 g farina (io ho usato una 0)
40 g di zucchero
3 g di lievito di birra secco (non avevo quello fresco, in questo caso, 6 g)
80 g di patata bollita e schiacciata
1 uovo
50 g di burro
4 g sale
aromi di vaniglia e arancio e limone grattugiati
(io ho usato:
1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia
1/2 cucchiaino di aroma agli agrumi)
olio di semi di arachidi
zucchero e cannella per la rifinitura
Miscelare la farina setacciata col lievito, lo zucchero, il sale e mettere tutto nel robot.
Schiacciare la patata fredda e unirla (io l’ho “dimenticata” in frigo qualche giorno, in quanto avevo programmato l’impasto ma poi non ho potuto farlo).
Aggiungere l’uovo sbattuto con gli aromi e cominciare a lavorare, potrebbe essere necessario unire 1 cucchiaio e mezzo di latte, in quanto l’impasto vi sembrerà duro, ma dev’essere cosi.
Quindi unire il burro a pezzetti, in più riprese, incorporando il successivo quando il precedente è assorbito e lavorare ancora finche l’impasto sia uniforme poi formare la palla da lasciar lievitare al coperto un paio d’ore, fino al raddoppio del suo volume.
Sgonfiarlo, metterlo in una terrina, coprire e lasciare in frigo tutta la notte.
La mattina stendere la pasta a uno spessore di circa 1 cm e con un tagliapasta rotondo (ne ho usato uno di 7 cm con buco centrale) ritagliare le ciambelle, fino a esaurimento della pasta.OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Gli avanzi centrali li ho lasciati, ottenendo delle mini graffe.
Lasciar lievitare coperto ancora finche raddoppiano, quindi friggerle in olio a 155°: qui un termometro vi sarà utilissimo.
Dovranno risultare non troppo brune.
Una volta pronte, sgocciolatele su carta assorbente, quindi passatele nelle miscela di zucchero e cannella.
Le vostre graffette deliziose sono pronte: provate a gustarle tiepide con una pallina di gelato…
OLYMPUS DIGITAL CAMERA  OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Commenti

  1. Ma quanto sono belle!!!! certo che si vede la lunga lievitazione! devono essere sofficissime, una nuvola di bontà :-)
    Buona domenica, a presto ...

    RispondiElimina
  2. Mmmmmhhhh..quanta soffice bontà!! Wuela' Ciao Milady !

    RispondiElimina

Posta un commento