lunedì 12 dicembre 2016

La Cuccìa di S.Lucia

DSC_0216
Grano, ricotta di pecora con zucchero  o  crema di  latte, canditi, cannella, cioccolato.
Questi gli  ingredienti della Cuccìa siciliana un  dolce al cucchiaio, tipico principalmente del palermitano e del siracusano e consumato il giorno di Santa Lucia, in onore a una lunga tradizione nata secondo le leggende,  nel 1646 a Palermo e nel 1763 a Siracusa (di cui S.Lucia è la patrona). In entrambi i casi, nel porto della città, dopo un lungo periodo di carestia e in risposta alle preghiere alla Santa, il miracolo dell’arrivo di un  bastimento carico di grano. Il popolo affamato, se ne impossessa e non perde tempo nella trasformazione del grano, ma lo consuma cuocendolo direttamente intero condito con un po’ d’olio, poi nel tempo si è arricchita degli altri ingredienti.
C’è da aggiungere che comunque la cuccìa (dal greco ko(u)kkía - i grani-  ma anche dal siciliano “cocciu”, granello)   è diffusa un po’ in tutto il sud Italia, anche in versione salata o cucinata in zuppe coi legumi e pare vi sia giunta dall’antica Grecia, dove era già consumata in occasione della commemorzione dei defunti.
Il grano andrebbe messo ammollo dal 10 dicembre, cambiando l’acqua mattina e sera, il 12 verrebbe cotto con aggiunta di sale per oltre due ore. Una volta sgocciolato e raffreddato, viene poi unito alla crema di ricotta o di latte in proporzioni variabili.
Va comunque detto che per S.Lucia a Palermo è anche tradizione consumare gli arancini/e di riso.
Per la “mia” cuccia, non avendo a disposizione grano secco da mettere ammollo ho usato grano in barattolo, che ho sciacquato e passato brevemente nel latte.
Per una porzione:
120 g di grano in barattolo
50/60 ml di latte
150 g di ricotta, preferibilmente di pecora
80 g di zucchero
cannella
gocce di cioccolato fondente
scorza d’arancia canditi a pezzetti
Sciacquare il grano in acqua tiepida, sgranando bene i chicchi, sgocciolare e metterli in un padellino antiaderente e mescolando lasciare asciugare a fuoco basso, quindi coprire a filo col latte e lasciar cuocere pochi minuti, mescolando ogni tanto finché il latte non sia assorbito.
Mentre raffredda, lavorare a crema la ricotta setacciata con lo zucchero, fino ad averla ben liscia, quindi unire i canditi, la cannella e le gocce di cioccolato, infine unire il grano, lasciando da parte qualche chicco che sarà usato per la decorazione finale, con qualche goccia di cioccolato e qualche candito.
qui la versione con crema di latte.

4 commenti:

  1. Questo è un dessert che mi garba da impazzire! Grazie per avermelo ricordato :) Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Che buono!! Non lo conoscevo e ora mi hai fatto venir una gran voglia di provarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' delizioso Cristina! suk tuo blog ho visto che in Sardegna avete anche voi un dessert con grano per Capodanno!

      Elimina