lunedì 6 ottobre 2014

dolce d'Amalfi

DSC_3376 (Copia)

Un dolce che Sal De Riso ha ideato nel 1997, come omaggio alla sua terra, racchiudendo in esso colori e profumi.

La forma rotonda e il colore intenso che ricorda quella del sole, il deciso profumo dei limoni sfusati amalfitani, la morbidezza conferita dalla mandorle, fanno di questa torta un dolce delizioso.

Il consiglio di Sal è quello di usare tutti gli ingredienti a temperatura ambiente, regola valida un po’ per tutti i dolci.

Il consiglio di Milady, avendone la possibilità è di partire dalle mandorle intere (siciliane, che ho sbucciato una per una) e pelarle, lasciandole pochi minuti in acqua bollente fuori dal fuoco, o se avete più tempo, lasciandole a bagno tutta la notte in acqua fredda.

Inoltre le ho tritate non proprio sottilmente, ed è stato piacevole sentirle poi alla degustazione.

Imburrate per bene lo stampo e ricordate di spolverizzare con la farina di mais ed eviterete ….rotture  nello sformare il dolce (manco a dirlo, Milady s’è scordata ‘sto passaggio….Basito)

La ricetta è presa dal suo libro, “Dolci del sole”.

Alla fine del post altre ricette di Sal che Milady ha sperimentato.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

160 zucchero al velo

130 burro morbido

2 uova

100 g latte fresco

100 g mandorle pelate

80 g farina 00

50 g fecola

2 limoni igp costa d’Amalfi

1 cucchiaino raso  di estratto di vaniglia (o mezza bacca di vaniglia)

60 g scorza di limone candita

5 g lievito in polvere

2 g di sale

farina di mais per lo stampo

Tritare le mandorle fino a ridurle quasi in polvere

Setacciare farina, fecola e lievito e miscelarvi le mandorle

Montare burro e zucchero per circa 5 minuti

Unire la scorza grattugiata dei due limoni, il sale, la vaniglia, e la scorza di limoni candita tritata sottilmente

Amalgamare e aggiungere una alla volta le uova intere a bassa velocità

Aggiungere alla crema di burro e uova il latte, alternandolo con la miscela di farine

Imburrare e spargete di farina di mais uno stampo a cupola di 18 cm di diametro e versare il composto, cuocere a 160  per un’ora.

Sfornare e lasciar intiepidire, quindi sformare la torta ancora tiepida sul piatto di portata, spolverando poi quando sarà fredda con zucchero al velo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Frangipane alle mele annurche

creme brûlé

caprese bianca

La pasta di zucchero

pesche glassate alla lavanda

Bavarese di fragole

2 commenti: