domenica 13 aprile 2014

Il tarallo “scaurato” o Sammartinese

DSC_1234Ha come ingrediente principale le uova, e viene preparato particolarmente nelle festività di Pasqua.
La forma a ciambella attorcigliata viene data da una particolare lavorazione, una volta preparato viene bollito e poi cotto al forno, il prodotto finito presenta delle crepe superficiali che danno l’impressione di una sfogliatura.DSC_1238Il “Tarallo scaurato” (bollito) o Tarallo Sammartinese, è tipico dell’avellinese,  precisamente di San Martino Valle Caudina.
Ancora oggi, questo dolce squisito pur nella sua semplicità, si prepara con  la ricetta tramandata dalle nonne.DSC_1042Nei tempi antichi, le famiglie si riunivano per la preparazione dei taralli, che venivano poi cotti nel forno (a legna) di quartiere e consumati per la tradizionale gita di Pasquetta oppure tenuti in casa, in attesa di essere dati in dono a chi veniva a fare gli auguri, inoltre era usanza di offrirli al Santo locale durante le processioni, per cui era preparato anche in giugno.
Simbolo di unione e pace, non va assolutamente tagliato col coltello, ma spezzato con le mani, è tipico consumarlo come fine pasto inzuppato nel vino, ed è delizioso anche a colazione.
Ringrazio la pasticciera Stella Ricci per avermene fatto dono, particolarmente gradito.
DSC_1422
Di lei vi parlo in questo post
Ora vi dico solo che Stella conserva ancora, gelosamente, la pala con cui sua nonna, proprietaria del forno di quartiere, infornava i taralli scaurati!
DSC_1239   DSC_1167 (Copia)

5 commenti:

  1. Che meraviglia questo tarallo, e che bello prepararlo con la ricetta della tradizione :)
    Buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona settimana a Lei, e bello prepararlo con la ricetta della tradizione, ma quale ricetta?
      Non siate gelosi condividete.

      Elimina
  2. Questi sono i dolci di Pasqua che mi garbano proprio tanto!

    RispondiElimina
  3. io sono della provincia di Napoli ma questo tarallo non l'ho mai visto ma niente ricetta,peccato vorrei farlo visto che qui a Pesaro dove ora vivo non se ne parla, di taralli, un bacio e Buona Pasqua

    RispondiElimina
  4. Ciao Paola, benvenuta, Stella non ha dato la ricetta, ma se vuoi puoi fare tarallli classici, metti la voce di ricerca nella seconda casella a in alto a sx e ti esce il link.

    RispondiElimina