giovedì 7 febbraio 2013

Palline di Buccia d’arancia.

 OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Piccole, dolci, profumate delizie.
Una ricetta un po’ particolare,  vista qualche tempo fa sul forum di Gennarino, dove era pubblicata con riferimento all’autrice , e ai ricordi d’infanzia legati alla ricetta, dell’autore del blog che l’ha proposta in rete..
Ottimo modo  per utilizzare le bucce d’arancia o mandarini o le due miste insieme: quando fate la spremuta per tutta la famiglia, o ne mangiate a tavola, ricordate di lavarle e spazzolarle bene prima di usarle, quindi tenete le  bucce da parte e usatele per farne questa bontà.
Ovviamente dovranno essere arance e mandarini non trattati.
Milady ha usato la buccia delle 3 arance spremute  per il  Gelo di Arance, ottenendo circa 18 palline.
Ma andiamo per ordine, iniziando con la ricetta copiata e incollata:
Palline di buccia d'arancia e mandarino Tre giorni in acqua spesso cambiata.
Bollire per mezzora (arancia) o venti minuti (mandarini).
Sgocciolare bene.
Tritarle finemente e unirle con eguale quantità di zucchero.
Mettere sul fuoco e rimestare finché si ottiene pasta densa.
Raffreddate se ne fanno palline che si rotolano in zucchero cristallino.
E fin qui, l’originale.
Milady ha proceduto cosi:
Le scorze sono state messe per tre giorni  in acqua cambiata mattina e sera, questo fa sì che si perdano gli oli essenziali che renderebbero troppo amara la preparazione finale.
Scolate e messe in pentola a bollire mezz’ora, sgocciolate strizzate un po' e pesate, preparate l’equivalente peso di zucchero, tenendo momentaneamente da parte.
Una volta fatto ciò, andate di mezzaluna e tritate le scorze più sottilmente possibile: tenete presente che in questo modo non diventeranno poltiglia, ma avrete comunque pezzetti piccolissimi, che sentirete poi nella masticazione, volendo potete frullare scorze e zucchero per un risultato più omogeneo, ma per fedeltà alla ricetta dove per altro non era specificato l’uso del frullatore, Milady ha preferito tritare a mano.OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Mettete tutto in pentola, insieme all’equivalente peso di zucchero, e cuocete, fino ad ottenere una massa densa e compatta, quindi lasciate raffreddare.
Formate le piccole palline compattando bene l’impasto, rotolatele nello zucchero semolato.
Ora si devono asciugare, e su questo non ci sono indicazioni precise nella ricetta, quindi sono state sistemate sul telaio secca pasta e lasciate un po’ di tempo nei pressi della stufa.
20130124_195750
Potrebbero andare sul termosifone spento o anche nel forno, sempre spento: in effetti  asciugheranno fuori, restando morbide dentro.
A quel punto, si possono sistemare nei pirottini.
Si sono conservate 3 giorni, dopodiché  sono finite.
Il gusto è molto particolare,  la fragranza lievemente amarognola dell’arancia, in contrasto con la dolcezza dello zucchero.
Da rifare assolutamente, credo siano deliziose con una goccia di cioccolato fondente all’interno, aromatizzate al rum, o tuffate nel cioccolato fondente…insomma ci si può sbizzarrire.
Saranno perfette anche per un originale regalo gourmet!
OLYMPUS DIGITAL CAMERA            OLYMPUS DIGITAL CAMERA

2 commenti:

  1. è proprio una bella idea...ho giusto un bel pò d'arance del giardino da consumare...grazie Milady..!! ciao

    RispondiElimina
  2. gnam gnam... anche io sono piena di arance nel giardino :p ottimo spunto

    RispondiElimina