martedì 6 novembre 2012

Pepite di cavolfiore

SAMSUNG

Che altro poi non sono che deliziose frittelle di cimette di cavolfiore…ma Noblesse oblige, e da Milady, le frittelle diventano Pepite!

Col solito lievito madre o di birra, un po' di farina sale e acqua quanto basta, tutto a “occhio”, fare una pastella non troppo liquida e lasciar lievitare un paio d’ore.

Volendo, si può aggiungere all’impasto qualche cucchiaiata di formaggio grattugiato o, se piace, del pepe.

Intanto sbollentare le cimette di cavolfiore, scolarle e far raffreddare, quindi aggiungerle alla pastella mescolando delicatamente per amalgamare bene.

SAMSUNG

Cuocere a cucchiaiate in olio di arachidi bollente, passarle su carta assorbente per eliminare l’unto superfluo, servirle calde e croccanti dopo averle spolverizzato di sale.

Fatto!

SAMSUNG

5 commenti:

  1. Splendidi bocconcini accattivanti.

    RispondiElimina
  2. Ecco, questa è un'altra cosa che a me piace molto, ma a casa mia non lo vogliono proprio vedere, il cavolfiore. Che faccio, vengo a mangiarle da te? :D

    RispondiElimina
  3. che buoni bocconcini! un fantastico fingerfood, bravissima,come sempre. un abbraccio. Maggie

    RispondiElimina
  4. Ciao Maria,
    queste frittelline sono adorabili, ideali per un aperitivo...adoro il cavolfiore e spesso anche io lo riduco in frittelle per farlo mangiare alle mie bimbe!
    Un bacio e buona giornata
    Paola

    RispondiElimina
  5. Adoro il cavolfiore! E queste pepite sono molto sfiziose e gustose

    RispondiElimina