domenica 5 giugno 2016

clafoutis di albicocche

PicMonkey CollageOriginaria della Cina, l’albicocca deve la sua diffusione nel Mediterraneo ai Romani prima e agli arabi dopo.
Di basso apporto calorico, è invece ricca di minerali e vitamine A e C che sono tra l’altro amiche dell’abbronzatura oltre che anti radicali liberi,  protettive della pelle e della vista. La stagione di raccolta va da giugno ad agosto. Piuttosto deperibili vanno consumate al massimo entro 3/4 giorni, ma sono diffuse anche nella versione secca (da preferire quelle senza solfiti) o sciroppate. Adatte a preparazioni dolci e salate, in cucina il loro uso è molto diffuso, sia per conserve e gelatine che per torte e gelati, succhi di frutta e sorbetti.
Da ricordare che dal nocciolo viene estratta l’armellina, la mandorla amara, molto usata in pasticceria per amaretti e liquori, ma bisogna tenere presente che un uso eccessivo di armelline può essere pericoloso, in quanto contengono acido cianitrico.20160604_192936Proprio ieri mi è stato fatto da Rita il gradito omaggio di albicocche di un primo raccolto della stagione, quindi ne ho approfittato subito per farmi un clafoutis di albicocche, tanto semplice e veloce da preparare quanto delizioso, recuperando anche qualche mandorla e una manciata di uvetta avanzata, insieme a un po’ di panna da cucina.
Ingredienti per 2 porzioni abbondanti:
3 albicocche
1 uovo
30 g farina
50 ml latte
20 ml circa di panna da cucina
25 g di zucchero
1 cucchiaio di amaretto
avanzi di mandorle e uvetta
Lavare e sbucciare le albicocche e tagliarle a spicchi o pezzettoni, lavare anche l’uvetta e asciugarla e le mandorle, che poi taglierete a lamelle.
In  una ciotola lavorare l’uovo con lo zucchero, unire l’amaretto, il latte e la panna e dopo aver miscelato bene la crema, unire la farina setacciata.
Ungere una teglietta, sistemarvi in un solo strato le albicocche e versare la crema di uovo._DSC2963Completare cospargendo con l’uvetta e le mandole a lamelle.
Cuocere a 170° circa 15 minuti o poco più fino a doratura, facendo attenzione a non farlo seccare troppo.
Consumare tiepido o freddo.
_DSC0546
Di seguito i link di altre ricette con le albicocche:
mattonella di riso alle albicocche
Cake e muffin semi integrali, con albicocche e pistacchi
frollini alle albicocche secche


6 commenti:

  1. Ho già il cucchiaio in mano, posso affondarlo? :))
    Buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  2. Che bello il tuo clafoutis, le albicocche erano davvero splendide, meritavano una degna collocazione! Davvero ci vorrebbe un assaggino è così invitante!
    Buona serata, a presto ...

    RispondiElimina
  3. divina!!!! l'ho sempre preparato solo con le ciliege...ma questa è una vera bontà!!! bravissima

    RispondiElimina
  4. Ciao! Sono arrivata al tuo blog per caso, ci ho fatto un giro veloce e devo dire che mi piace molto, infatti mi sono aggiunta ai tuoi lettori fissi!
    Lifen

    RispondiElimina
  5. Il clafoutis l'ho sempre fatto con fragole,ciliegie ed uva ma alle albicocche non avevo mai pensato, mi hai suggerito proprio una bella idea. E' così invitante poi, complimenti

    RispondiElimina
  6. Un ottimo clafoutis alle albicocche ricco con un ottimo sapore

    RispondiElimina