venerdì 1 febbraio 2013

Migliaccio dolce

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Meno comune del migliaccio di semolino, questa versione, dal gusto più delicato e senza uova, è fatta con farina di mais bianca e uvetta  (i “passi”) e pinoli, assenti in quello di semolino.

La ricetta è tratta dal libro di Jeanne Caròla Francesconi “La cucina napoletana”.

Rispetto a quella sul libro ho solo dimezzato le dosi.

500 ml di acqua

75 g farina di mais bianca

15 g di burro

20 g di zucchero

sale

scorza grattugiata di limone

20 g di pinoli

20 g di “passi”

un pizzico di cannella

zucchero a velo

bollire l’acqua con cannella, zucchero, limone, burro e sale.

Versare a pioggia la farina e cuocere circa 20 minuti, fino ad ottenere una polenta.

Fuori dal fuoco unire passi e pinoli, e volendo arricchire, dadini di frutta candita.

20130126_09094420130126_091927

Mescolare il tutto, se troppo asciutto aggiungere un po’ d’acqua tiepida (o latte), e versare in una teglia unta di circa 20 cm.

Cuocere circa 40 minuti, finché non risulti dorato.

Sformare quando è freddo e spolverare con lo zucchero al velo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

3 commenti:

  1. Da provare, ho voglia di farlo subuto. In casa ho tutti gli ingredienti tranne la farina di mais bianca. Ho solo quella gialla precotta per polenta, va bene lo stesso?
    Qualcuno ha provato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo. alcune versioni prevedono anche la farina gialla, quindi lanciati!!!

      Elimina