domenica 25 settembre 2011

La Caccavella secondo Milady

Ossia...Caccavella al ragù bianco con porcini e Crema al Provolone del Monaco.

Prima di cominciare, due paroline sulla Caccavella, di cui vi ho già accennato qui:
La Caccavella è stata ideata da Antonino Moccia, Il Pastaio, titolare del pastifico "la fabbrica della pasta di Gragnano".
E' un formato di pasta che mi piace definire "ospitale" in quanto adatto ad ospitare appunto generose quantità di condimento, non a caso è considerato "la Pasta più grande del mondo".
E' in vendita in confezioni di 4 tegamini di coccio, completi di Caccavelle, disponibile anche la sola ricarica, che vedete in foto, quindi è anche ecologica :)).
Nelle confezioni trovate anche un cd interattivo, contenente numerose ricette, anche relative ad altri formati di pasta, splendide foto d'epoca del pastificio, nonchè la storia del pastificio stesso.
E' disponibile anche una simpatica confesione mono pezzo, per un ghiotto regalino "single"
Il Provolone del Monaco è invece un formaggio tipico prodotto nei monti Lattari, e nella bassa penisola sorrentina.
Per la sua produzione, viene impiegato latte crudo con l'impiego di caglio di capretto. L'aroma unico è conferito dalla stagionatura, che va dai 6 ai 18 mesi.
Veniamo ora alla mia ricettina ideata apposta per la Caccavella.
Per ogni caccavella:
100 g vitello tritato
1 fegatino di pollo grande
poco vino bianco
100 ml di brodo vegetale
1 cucchiaio d'olio evo
cipolla, carota, sedano
Qualche pezzetto di funghi porcini secchi o surgelati. Se si usano i porcini secchi, lavarli sotto acqua corrente, spezzettarli e ammollarli in poca acqua tiepida,
sale
Per la crema al provolone del monaco:
150 ml di latte, l'ho usato scremato,
25/30 g di provolone del monaco grattugiato al momento
10 g di farina
eventualmente noce moscata
poco pane grattugiato per spolverare
con le verdure e i funghi fare la mirepoix, ossia tagliarle a dadini piccoli e farli stufare circa 10 minuti nell'olio.
Unire il macinato di vitello e il fegatino, insaporire un paio di minuti a fuoco vivo,
mescolando, sfumare col vino bianco e portare a cottura, regolando il fuoco e  aggiungendo via via il brodo vegetale, ed eventualmente l'acqua filtrata dei funghi. Salare appena.
A fine cottura spappolare il fegatino col cucchiaio di legno o una forchetta fino a ridurlo in crema e amalgamare bene il tutto.
Intanto avrete messo l'acqua per la caccavella. A bollore, farla cuocere circa 15 minuti, se ne cuocete più di una, aggiungete un cucchiaio d'olio all'acqua, anche qui appena salata, in quanto poi la crema al provolone è abbastanza saporita
Preparare intanto la crema, mettendo nel pentolino la farina, il provolone e giusto un'idea di noce moscata,

diluire col latte, portare a ebollizione mescolando di continuo e far cuocere circa 10 minuti.
Scolare la caccavella, mettere nel tegamino un paio di cucchiai di crema diluiti con un pò di latte, unire un paio di cucchiai di crema al ragu' e mescolare.

Farcire con il composto la caccavella, porla nel tegamino, coprirla con il resto della crema, spolverare con un pizzico di pane grattugiato e mettere in forno circa 15 minuti, accendendo il grill gli ultimi minuti affinche si formi la crosticina.
Lasciar intiepidire qualche minuto e servire
Ditemi se non avete l'acquolina in bocca?! Ora non ci vuole nient'altro che una bella insalatina e siete a posto!


Nessun commento:

Posta un commento