venerdì 19 giugno 2015

Malazè, #tipicamenteflegreo, ricomincia da …10

_DSC0472

Nove edizioni per Rosario Mattera, quest’anno #tipicamenteflegreo, non sono altro che uno starter per ricominciare da 10._DSC0476L’eclettico creatore di Malazè, una delle più complete (e autofinanziate)  rassegne delle estati campane che quest’anno avrà luogo dal 5 al 15 settembre prossimi, riparte guardando al futuro ma recuperando come sempre le radici del passato, nel rispetto della tradizione e delle persone i cui racconti di vita parlano di arti e mestieri ormai quasi persi, ma indissolubilmente legati all’economia flegrea._DSC0473 Raccogliere il passato come un testimone da trasferire ai giovani nell’era tecnologica, tramandare “sostanza e non apparenza”,  l’obiettivo di creare un marchio territoriale di qualità, rivalutando tutto ciò che è flegreo oltre che campano, stimolando l’interesse dei giovani, pur avendo la consapevolezza che non sarà un compito semplice.

_DSC0481

La presentazione alla stampa di questa 10^ edizione si è tenuta il 15 giugno scorso presso il Blu Yachting Club, di Lucrino, con una conferenza cui hanno partecipato alcuni anziani che hanno raccontato  del passato, parlando anche  del futuro.
Con loro Ettore De Lorenzo, giornalista della Rai e Pietro Parisi, cuoco contadino, il cui progetto della “cucina dei volti” ben si integra con la “mission” di Malazè.
Pietro ha raccontato la sua esperienza: aver lavorato a fianco di    importanti chef mondiali, ma essere tornato nella sua terra e aver superato le difficoltà rinunciando alle comodità, aver cominciato in 3, per portare avanti il suo sogno senza dimenticare la sua terra, ma valorizzandola, fino ad arrivare ad oggi: insieme a lui lavorano attualmente 33 persone.

_DSC0542  _DSC0492

Dopo la conferenza, sulle splendide terrazze sul mare, grande buffet a base di prodotti flegrei delle cantine, dei ristoratori, delle aziende e delle associazioni che saranno i protagonisti della manifestazione e che  rappresentano la migliore espressione del bello e del buono di Pozzuoli, Bacoli, Quarto, Monte di Procida, isola di Procida e Napoli.

_DSC0513 _DSC0537

_DSC0533  _DSC0468

Nessun commento:

Posta un commento