mercoledì 24 giugno 2015

“180…e non sentirli” il Molino Dallagiovanna ha presentato la nuova farina “LaNapoletana”

_DSC2927
Il 17 giugno scorso, a Cercola (NA) presso la Pizzeria del Pino serata di presentazione (diretta dalla giornalista Laura Gambacorta) per un nuovo prodotto di punta del Molino Molino Dallagiovanna: “LaNapoletana” di solo grano italiano, sviluppata dal maestro pizzaiolo Eduardo Ore  in collaborazione con gli altri due tecnici del Molino Dallagiovanna, Mattia Masala e Alberto Campagnolo e pensata proprio per la specificità che richiedono i parametri dell’impasto della pizza napoletana._DSC3035Il prodotto ha infatti ottenuto anche l’approvazione dell’ AVPN.
Durante la serata  Pierluigi Dallagiovanna, quinta generazione della famiglia alla guida del Molino (che attualmente vanta una vasta gamma di farine per tutte le esigenze professionali o casalinghe) ha ripercorso i quasi due secoli di vita dell’azienda piacentina, nata nel lontano 1832 a Gragnano Trebbiense (PC), con aneddoti e racconti di tecniche primitive ed empiriche che hanno consentito di produrre nel corso degli anni farine dalle caratteristiche  differenti a seconda della destinazione d’uso del prodotto finale, e che attualmente sono tra le poche farine in commercio ad essere prodotte da grano lavato prima della molitura._DSC2966Il processo di lavaggio, ormai quasi in disuso anche per motivi economici, assicura una farina più bianca, a granulometria più omogenea e di maggiore qualità e resa._DSC3012LaNapoletana è stata ovviamente usata per la preparazione delle pizze degustate in serata, due delle quali avevano anche un’altra caratteristica: per il loro impasto è stato usato un lievito naturale con starter di uva Catalanesca, la cui peculiare alta acidità e la quantità di zuccheri naturalmente contenuti, hanno dato in breve tempo  un lievito particolarmente attivo e vivo, tanto da essere poi battezzato da Eduardo “Ciruzzo lo scugnizzo”.
_DSC3047  _DSC3053
Eduardo Ore si è avvalso della collaborazione del pizzaiolo “resident”, Antonio Fusco ed insieme hanno sfornato, deliziandoci:
_DSC2948 _DSC2960 (Copia)
Pizza con pomodorini gialli del Vesuvio casa Barone, colatura di alici di Cetara, pepe nero, trito di basilico e menta, olio evo Torretta
_DSC2973Margherita dell'Appennino Meridionale: provola affumicata agerolese Antonio Mandara, pomodorini di Corbara Gustarosso, basilico e olio evo Torretta
_DSC3017Margherita STG: pomodoro San Marzano Dop Gustarosso, fiordilatte agerolese Antonio Mandara, pecorino romano Dop, basilico napoletano, olio evo Torretta _DSC3039Marinara del Vesuvio: pomodorini del piennolo del Vesuvio casa Barone, aglio, origano selvatico del Vesuvio, olio evo Torretta PicMonkey CollageAd accompagnare le pizze i vini dell’azienda vesuviana Sorrentino di Boscotrecase presente con Lacryma Christi Spumante DoRè Doc 2013 e Gragnano Penisola sorrentina Doc 2014.
Ospite d’onore  il giovane pasticciere  Francesco Boccia che si è aggiudicato a Lione col Team italiano la Coppa del Mondo della Pasticceria 2015. PicMonkey Collageb
Sua la gustosa torta finale e i due dolci monoporzione “Mandorla, vaniglia e lime “ e  "Dolce ai 3 cioccolati “ (in un simpatico barattolino), accompagnati dai liquori dell’Antica Distilleria Petrone.
Partners della serata:
Caseificio Antonio Mandara, casa Barone, Danicoop, Frantoio Torretta, Ferrarelle, Sorrentino vini, Antica Distilleria Petrone.

Ristorante Pizzeria Del Pino
Via Don Minzoni, 225
Cercola (Na)







Nessun commento:

Posta un commento