domenica 23 aprile 2017

LA STORICA PIZZERIA TRIANON DA CIRO APRE UNA NUOVA SEDE A SORRENTO

DSC_3508La pizzeria Trianon da Ciro fa tris. Ha aperto infatti a Sorrento, dal 20 aprile scorso,  la nuova sede dello storico marchio nato nel 1923 a Napoli, che negli anni  ha aperto con grande successo  anche  la sede  di Salerno.  Da oggi il Trianon è  in Piazza Angelina Lauro n. 10, a pochi metri dalla centralissima piazza Torquato Tasso.

DSC_3497 DSC_3494

Essenziale e tradizionale come sempre, molto accogliente, la nuova location è caratterizzata dai toni del bianco e del rosso, con circa 200 posti a sedere tra interni ed esterno. La superficie si estende per 200 mq, 120 dei quali riservati alla clientela. Disposta su due livelli - quello superiore interamente dedicato alla clientela, quello inferiore alle cucine -  la nuovissima pizzeria ha 2 forni. Il menu è molto vario, arricchito da antipasti, fritture, insalate, carne, dolci che accompagnano le storiche ruote di carretto che con i loro 36-38 cm di diametro hanno reso la pizzeria famosissima in tutto il mondo. Altra particolarità del menu è il pignatiello, un piatto fatto con i polipetti affogati nel pomodoro secondo una storica ricetta del Trianon.

DSC_3517 DSC_3524

Inoltre, sulle pareti interne del locale sono riportate  le illustrazioni dei vicoli di Napoli: lo storico brand tiene a conservare la sua identità , legata al cuore della Napoli piu’ antica. Il concept infatti, è quello delle atmosfere dei vicoli, che i titolari vogliono far conoscere a tutto il mondo. Parliamo infatti della Napoli che ha dato i natali ai  grandi miti come Toto’ ed Eduardo.
Di Napoli – spiegano gli amministratori Angelo Greco e Giuseppe Furfaro - affascinano i cortili e i vicoli che a nostro parere rappresentano il cuore, la parte più accogliente della città. Ecco perché abbiamo voluto riportare questo "racconto disegnato" all’interno del Trianon, perché chiunque passi si senta accolto. Questa nuova apertura ci riempie di soddisfazione-continuano- Sorrento è un crocevia mondiale a pochi chilometri da Napoli dove far conoscere i nostri prodotti non solo ai napoletani e ai sorrentini, ma anche  ai turisti che provengono  da tutto il mondo. Anche per questo abbiamo voluto arricchire l’ offerta, per offrire  non solo la pizza ma anche le altre prelibatezze della nostra gastronomia.
qui l’album dell’apertura

Trianon
Piazza Angelina Lauro, 10 
SORRENTO

venerdì 21 aprile 2017

Ristorante Josè, a Tenuta Villa Guerra

DSC_3343La luminosità e il candore del bianco che si staglia nel verde dei prati circostanti e nell’azzurro del cielo vesuviano, cosi come il candore delle sale interne del nuovo Ristorante Josè sono la prima cosa che salta all’occhio entrando a Tenuta Villa Guerra (Torre del Greco- Na) una splendida villa del 1700, lungo quello che fu il percorso del Miglio d’oro (perchè ricco di aranceti e limoneti), il tratto di strada che andava (e ancora va…) da San Giovanni a Teduccio e Ercolano a Torre del Greco,  tratto, a sua volta, dell’antica  Strada Regia delle Calabrie   famoso appunto anche per le sue splendide e ville e i sontuosi parchi.DSC_3417Il nuovo "Josè Restaurant”, ha al comando lo chef stellato Domenico Iavarone, di recente anche associato Chic, e rappresenta la realizzazione del nuovo progetto di gusto e charme per un'esclusiva offerta gastronomica voluto dalla famiglia Confuorto.
Lo chef ha al suo attivo  una lunga esperienza professionale, maturata tra l’altro anche  nelle brigate di Gennaro Esposito ed Oliver Glowig, oltre al riconoscimento tre anni fa della stella Michelin al Maxi di Vico Equense ed è fortemente legato al territorio, con l’uso dei prodotti locali, con innovazione, fantasia e genuinità.

DSC_3372  DSC_3379
Ad affiancarlo in sala, con eleganza e maestria, il siciliano Enrico Moschella, che ha collezionato importanti esperienze professionali estere, tra cui la Locanda Locatelli e il Dorchester Park Lane di Londra, e il ristorante stellato Capri di Zermatt in Svizzera; in Italia lavora prima presso il Ristorante l’Olivo 2* Michelin del Capripalace di Anacapri, e il sommelier Diego Laguzzi.
In carta anche due menù degustazione, uno di 5 portate a 60 €, esclusi i vini  e l’altro di  7 portate a 90 €, sempre vini esclusi.
Il delizioso menù pensato in occasione della presentazione alla stampa era così composto:

DSC_3376Uovo in purgatorio con gamberi rossi (abbinato a Falanghina Campi Flegrei 2015)
DSC_3381Risotto con cipolla bruciata, alici, yogurt e mandorle (abbinato a Grecomusc’ 2013 Contrade di Taurasi)
DSC_3389Tortelli di  pollo speziato con carciofi e cynar (abbinato a Zagreo 2015 I Cacciagalli)
DSC_3393Triglia in patate fritte, lattuga romana e ravanelli (abbinato a Aliseo 2015 Reale)
DSC_3405  DSC_3413
Duo di cioccolato fondente e lamponi e piccola pasticceria della casa ( con Ratafià Praesidium), in chiusura degustazione di liquori “Giardini d’Amore”
DSC_3428 DSC_3433

Josè Restaurant – Tenuta Villa Guerra
Via Nazionale, 414
Torre del Greco (Na)
883 6298
qui l’album della giornata.

sabato 15 aprile 2017

Grissini…che bontà!

PicMonkey Collage (3)I grissini, sostituto del pane e sfizioso passatempo, prodotto di origine piemontese, (inventati per rimediare problemi di salute di Vittorio Amedeo II di Savoia, pare fossero particolarmente graditi anche a Napoleone che se li faceva portare direttamente da Torino, con un servizio istituito ad hoc), devono sicuramente il loro successo anche al fatto che oltre a risultare più digeribili perchè hanno meno mollica del pane, hanno una lunga conservabilità.
I grissini, semplicissimi e alquanto veloci  da fare casa, si possono aromatizzare come si preferisce; io li ho gia rifatti più volte.DSC_2593La ricetta che vi propongo è dello Chef Armando Palmieri (qui  e qui) che l’ha proposta durante una dimostrazione di uso della semola in sostituzione della classica farina bianca. Io nella mia preparazione ho dimezzato le dosi e fatto grissini più corti.
Ingredienti:
600 g di semola rimacinata
15 g di lievito di birra
250 g di acqua
100 g di olio extravergine
10  di sale
semi vari (per me semi di lino, formaggio grattugiato e pesto di aglio orsino)
2 uova per spennellare.
Sciogliere il lievito in un po’ acqua appena tiepida (io ho usato lievito secco), quindi unire alla semola, col resto dell’acqua,l’olio e il sale. Lavorare fino ad avere l’impasto omogeneo e  e lasciar riposare coperto una 20na di minuti.
Una volta riposato, io ho diviso l’impasto in due parti, aggiungendo ad una un cucchiaino abbondante di pesto di aglio orsino e una volta incorporato ho formato il panetto dallo spessore di un dito e lasciato riposare ancora coperto da pellicola.
20170409_165015  20170409_172432
L’altra parte d’impasto una volta formato il panetto schiacciato, ho spennellato di uovo battuto e cosparso di formaggio grattugiato (che si può anche incorporare all’impasto) e semi di lino poi girato e ripetuto l’operazione sull’altra “faccia” del panetto.
Si copre con pellicola e si lascia lievitare ancora 20/30 minuti, quindi con un tarocco si tagliano striscioline d’impasto e si stirano tenendole dalle estremità.

DSC_2650  20170409_172810
Questi nelle foto sotto, quelli di Armando…
DSC_2594 DSC_2600
Si mettono sulla placca del forno coperta con un foglio di carta forno e si lasciano riposare ancora una decina di munuti, quindi si cuociono 12/15 minuti a 190°.
Una volta freddi saranno croccanti e gustosi…difficile resistere…
DSC_2662  DSC_2663

giovedì 13 aprile 2017

Racconti di Grano Chirico #nonsolopastiera

DSC_2988Grande festa, il 31 marzo scorso,   a Palazzo Petrucci nella splendida cornice di Posillipo dove si sono riuniti grandi chef, imprenditori e personaggi di spettacolo per celebrare l’evento “Racconti di grano Chirico”.

  DSC_3031 DSC_3100

DSC_2981Una kermesse interamente dedicata al prodotto protagonista, il grano cotto gelificato Chirico per l’appunto, servito in tavola come ingrediente jolly dell’esclusivo menu studiato appositamente per questa occasione a cura della scuola di cucina e pasticceria Dolce & Salato guidata dallo chef Giuseppe Daddio in sinergia con lo chef di Palazzo Petrucci Lino Scarallo. DSC_3056Il grano come ingrediente del concorso “Vinci con i tuoi racconti di Grano Chirico” lanciato con il supporto della piattaforma di registrazione ricette, mysocialrecipe.com, è divenuto uno degli ingredienti della creazione griffata SfogliateLab (piazza Garibaldi 82/84, Napoli). DSC_2996Il grano come elemento ponte tra tradizione e innovazione, introdotto da Mario Palma, Amministratore dell’azienda Chirico, che ha lanciato l’#nonsolopastiera e ha invitato gli ospiti a sperimentare le ricette caricate sul sito internet. Dopo il suo intervento, la moderatrice dell’evento la giornalista del Corriere del Mezzogiorno Anna Paola Merone ha introdotto importanti personaggi che si sono confrontati sul concetto d’innovare nella tradizione e sui risultati che questo ha avuto nella propria attività. PicMonkey CollageTra loro, gli chef Alfonso Pepe, Lino Scarallo, Giuseppe Daddio, Marco Infante, Sabatino Sirica, Paolo Caridi; ma anche il Prof. Alberto Ritieni, dipartimento di Farmacia, Professore di Chimica del Cibo della Università di Napoli Federico II; l’Amministratore Delegato dell’azienda di alta sartoria Kiton Antonio De Matteis e la food blogger Sonia Peronaci fondatrice di Giallozafferano e di Soniaperonaci.it. DSC_2997  Quale occasione migliore se non questa per presentare l’ultima dolce creazione di Vincenzo Ferrieri: la Sfogliacampanella, l’ormai apprezzatissimo dolce due in uno (una sfogliatelle con il  cuore di babà) si arricchisce per Pasqua di una farcitura al gusto pastiera.
Oltre alle pietanze “salate”, i dessert a base di Grano Chirico che abbiamo degustato e gradito:

DSC_3116  DSC_3113

Pastiera scomposta di Lino Scarallo; DSC_3127Sfogliacampanella di grano di Vincenzo Ferrieri; DSC_3131Pastiera Inversa di Giuseppe Daddio; DSC_3130Chirigrano di Casa Infante DSC_3001Pastiera Lievitata di Alfonso Pepe. DSC_3004In abbinamento, i vini di persistenza di Salvatore Martusciello: il TRENTAPIOLI  - Asprinio d’Aversa doc brut 2016 Metodo Martinotti, l’ OTTOUVE  - Gragnano della Penisola Sorrentina doc 2016, il SETTEVULCANI  - Falanghina dei Campi Flegrei doc 2015. Ad accompagnare gli ospiti alla fine dell’evento, la linea di liquori “Desiderio dei gusti campani” di Desire.
qui l’album della giornata.

lunedì 10 aprile 2017

A Pasqua la pasticceria Altamura punta su “pigne pasquali” e “Altamurini”

DSC_3240Quattro chiacchiere tra amici  a bordo piscina e tanti dolci pasquali della tradizione napoletana e non solo, prodotti dalla Pasticceria Altamura di Volla (Na), a Villa Vittoria (a Posillipo), e vini da dessert scelti dal sommelier Tommaso Luongo hanno allietato un bel pomeriggio.DSC_3226Protagonista, insieme a pastiere e colombe, un dolce non tradizionale napoletano, ma conosciutissimo nel casertano, nel procidano, nel nolano , in costiera. Stiamo parlando del casatiello dolce dalle origini molto antiche, già lo menzionava nel 1600 Giambattista Basile, nella “Gatta Cenerentola”.
La tradizione vuole che fosse preparato per la sera del sabato santo per essere regalato dalle fidanzate alle suocere, veniva legato con un nastro di raso, proprio a simboleggiare il legame.
Ingrediente fondamentale per la preparazione il lievito madre (ma ci sono ricette realizzate col lievito di birra) e una lunga lievitazione, anche di oltre tre giorni, che in passato avveniva sotto le coperte.

DSC_3272 DSC_3271
Il dolce che si ottiene, alto, asciutto e compatto, viene poi ricoperto da glassa (ma ci sono versioni anche senza copertura) e confettini di zucchero e si mantiene molto a lungo. E’ ideale per essere inzuppato nel latte (come adora fare Milady) o nel vino.DSC_3158Carmine e Vincenzo Altamura, titolari e pasticcieri, si rifanno alla versione diffusasi nella zona di Marcianise dove questo dolce dal profumo particolare che si esalta col passare dei gioni,  prende il nome di “pigna pasquale”.

DSC_3209 DSC_3210
Per quanto riguarda le colombe, la produzione di Altamura è disponibile in diversi gusti, si continua con la filosofia “on demand”, già adottata per il panettone "on demand" . In pratica il cliente sceglie il gusto della colomba, la prenota e quando è pronta va a ritirarla o la riceve a casa in confezione personalizzata con il nome del destinatario. La consegna viene effettuata gratuitamente in tutta la città di Napoli mentre è a pagamento per il resto d'Italia.

 DSC_3148DSC_3152 DSC_3147Carmine e Vincenzo hanno pensato anche ai bambini, notoriamente amanti del cioccolato, per i quali hanno ideato gli “Altamurini”, uova di cioccolato al latte con sorpresa personalizzabile che, decorate con pasta di zucchero e coloranti naturali, danno vita a tanti divertenti soggetti come le faccine di Facebook, la coniglietta "Carotina" e il cagnolino "Teo".

qui l’album del pomeriggio.

Pasticceria Altamura
Via Lufrano, 25
Volla (Na)
Tel. 081 7746822

Villa Vittoria  Posillipo
 
via Francesco Petrarca, 46
Napoli
www.villavittorianapoli.it