lunedì 28 luglio 2014

finti soufflé con pesche o lamponi.

PicMonkey Collagesu

Ma quanto cavolo è bbbbuono? Ecco la domanda che mi sono posta mentre assaggiavo la versione alle pesche di questi “Finti soufflé”…

Eh si, mi sono stupita io stessa del risultato ottenuto, avendo anche usato pesche al limite della maturazione, per evitare di buttarle, per una ricetta pensata per utilizzare la ricotta di fuscella comprata il giorno prima in quantità eccessive.

Poi avendo anche dei lamponi nel congelatore, l’ho rifatta con questi, che hanno dato all’insieme quella punta di acidulo piuttosto gradevole.

Quindi la stessa crema di base, applicabile a diversi tipi di frutta, ottenendo dolcetti ogni volta diversi.

Ma perché “finti” soufflé?

Specifichiamo subito che un soufflé, dolce o salato che sia ha  quasi sempre come base una crema, besciamella per la versione salata o crema pasticcera per la versione dolce, e in questo caso, manca sia l’una che l’altra componente.

Ma come i soufflé “Veri”, durante la cottura sono gonfiati e appena usciti dal forno nel giro di qualche secondo si sono….seduti. assumendo una consistenza morbida.

Sono gradevoli sia tiepidi che freddi, in frigorifero sono durati due giorni, non so dirvi se vanno oltre….

Per 3 stampini di pyrex:

1 cucchiaio e mezzo di zucchero

1/2 cucchiaino di aroma al limone

1/2 cucchiaino di aroma all'arancia

oppure scorza grattugiata di limone e arancia

100 g di lamponi o 2 pesche

120 g di ricotta di “fuscella”

1 uovo

mandorle a lamelle

zucchero di canna

alcuni amaretti sbriciolati.

1 cucchiaio abbondante di cioccolato bianco grattugiato

Lavorare la ricotta col tuorlo, il cioccolato bianco e mezzo cucchiaio di zucchero.

Unire l’albume a neve amalgamare delicatamente, mescolando dall’alto in basso.

Per i lamponi:

mescolare i lamponi con gli aromi, quindi suddividerli in 3 stampini di pirex leggermente imburrati e cospargere con un pizzico abbondante di zucchero di canna.20140625_190235Per le pesche: pelarle, tagliarle a pezzetti e metterle in un padellino con un cucchiaino di burro e lasciarle insaporire qualche minuto.

Avendo delle pesche molto mature ho evitato questo passaggio, le ho messe direttamente nel barattolino e cosparse  con fiocchetti di burro.

Suddividere  sul fondo degli stampini imburrati gli amaretti sbriciolati e sistemare le pesche, cospargendo di mandorle a lamelle20140706_175621Suddividere sui lamponi o sulle pesche il composto di ricotta. completare quelli alle pesche con mandorle a lamelle.

Infornare a 220° circa 10/15 minuti, finché non saranno gonfi e dorati.

DSC_1783 (Copia)

Sfornare, lasciare intiepidire e servire.

   DSC_1685 (Copia)   DSC_1793 (Copia)

Sono ottimi anche freddi!

2 commenti:

  1. Visto che sono tre...uno posso prenderlo io?
    Strepitosi!!!!!

    RispondiElimina
  2. uno daniela, uno tu e uno io, apposto!
    RIFALLI che arriviamo ghghg
    Cla

    RispondiElimina