lunedì 9 aprile 2012

trilogia di Pastiere

P4070938
La Pastiera… qui alcune varianti formato mignon.
a sinistra:
La Pastiera a “doppia crema”: alla base classica si aggiunge crema pasticciera.
Considerata la quantità, ho aggiunto appena una cucchiaiata abbondante di crema, mescolato e messo nel guscio di frolla, decorando con le classiche listarelle di pasta.
Al centro:
La Pastiera in barattolo:
Mi sono ispirata a Sal De Riso.
In un barattolino di vetro, unto con lo strutto, ho sistemato un disco di pasta, cotto appena 5 minuti, quindi il ripieno classico, e ho chiuso con un altro disco di pasta.
A destra:
La Pastiera dei poverelli. Non conoscevo questa versione di cui mi ha parlato una collega un po' di giorni fa.
In pratica è la stessa pastiera, ma cotta senza il guscio di pasta, solo con le listarelle che la decorano... e per risparmiare pasta,  si faceva appunto senza guscio.
Sono state cotte insieme circa 20 25 minuti a 180°.
SAMSUNG SAMSUNG
NOI, abbiamo trovato queste alternative ugualmente gustose, in formato mignon possono essere consumate a colazione o regalate, volendo si possono congelare.
Vi lascio qui una poesia trovata sul sito ufficiale della pastiera, www.pastiera.it

STORIA DELLA PASTIERA IN RIMA
A Napule regnava Ferdinando
Ca passava e' jurnate zompettiando;
Mentr' invece a' mugliera, 'Onna Teresa,
Steva sempe arraggiata. A' faccia appesa
O' musso luongo, nun redeva maje,
Comm'avess passate tanta guaje.
Nù bellu juorno Amelia, a' cammeriera
Le dicette: "Maestà, chest'è a' Pastiera.
Piace e' femmene, all'uommene e e'creature:
Uova, ricotta, grano, e acqua re ciure,
'Mpastata insieme o' zucchero e a' farina
A può purtà nnanz o'Rre: e pur' a Rigina".
Maria Teresa facett a' faccia brutta:
Mastecanno, riceva: "E' o'Paraviso!"
E le scappava pure o' pizz'a riso.
Allora o' Rre dicette: "E che marina!
Pe fa ridere a tte, ce vò a Pastiera?
Moglie mia, vien'accà, damme n'abbraccio!
Chistu dolce te piace? E mò c'o saccio
Ordino al cuoco che, a partir d'adesso,
Stà Pastiera la faccia un pò più spesso.
Nun solo a Pasca, che altrimenti è un danno;
pe te fà ridere adda passà n'at' anno!"















Nessun commento:

Posta un commento