venerdì 28 ottobre 2011

Witched Punpkin cake, cinnamon scented

Ossia, una Torta alla zucca, stregata, al profumo di cannella.
Poteva Milady (che ha trovato questa ricetta in giro per il web in epoca A.B, ossia Ante Blog) fare una semplice torta di zucca??????????????
Ecco ingredienti e procedimento:
ingredienti:
450 gr zucca (polpa a crudo già sbucciata)
200 gr farina di mais fioretto (il tipo più sottile)
100 gr farina petra 5
4 uova
200 gr zucchero
100 gr burro fuso
1 bicchierino di liquore Strega (sennò che cake stregato fate????)
1cucchiaino di estratto di vaniglia o una bacca di vaniglia
1 bustina di lievito per dolci
sale
zucchero a velo
tagliare a pezzetti la zucca (vi consiglio caldamente, durante questa operazione, di fare attenzione a non tagliare anche un dito, cosa che quel fenomeno di Milady ha invece fatto!) e cuocerla  a vapore, resta più asciutta.
Foto1693
Farla raffreddare nel cestello, cosi che  perda l’acqua in eccesso, quindi passatela al mixer.
Se dovesse risultare ancora acquosa, asciugarla qualche minuto in un tegame, a fuoco vivo, mescolando.
Setacciare insieme le due farine, col lievito e il sale.
Montare le uova con lo zucchero e aggiungere il burro fuso, lavorando brevemente,
Foto1702
unire quindi la miscela di farine, la vaniglia ed il liquore Strega (che dà quel non so che di chic!), lavorare ancora, spatolare bene il composto dalle pareti del robot, infine unire la purea di zucca.Foto1703
Lavorare ancora brevemente fino ad amalgamare  e sistemare nella teglia imburrata, cuocere a 180° circa 45 minuti.
Sfornare, raffreddare e spolverare di zucchero a velo misto a cannella.
Foto1705               Foto1707
Ho decorato con un ciuffo di tagliolini alla zucca fritti.

BROOM_~122

I “capelli della strega”

HAPPY_~13
Fatti con i tagliolini del precedente post visto il periodo, mi sono” inventata” un dolce veloce, in pratica due piccioni con una fava!
Ne ho tenuti da parte un po’ li ho fritti  e spolverizzati di cannella e cioccolato grattugiato al momento…
lo spunto, sono le tagliatelle dolci di carnevale, ma con la zucca, in periodo di Hallowen, son diventati capelli della strega…
Foto1699

tagliolini alla zucca con funghi porcini

Foto1701

un condimento classico, per una pasta fresca un po’ diversa!

Per 4 belle porzioni:

300 g di farina

100 g di polpa di zucca cotta al vapore e passata o frullata

(eventualmente, se fosse troppo acquosa, asciugarla qualche minuto in un tegame a fuoco vivo, mescolando)

1 uovo,

sale qb

300 g di porcini surgelati, 400 se freschi

1 spicchio d’aglio,

2 cucchiai d’olio evo

prezzemolo

Foto1696

setacciare la farina sul piano di lavoro, unire un pizzico di sale, l’uovo e la purea di zucca.

Lavorare come di consueto, fino ad ottenere il panetto liscio e uniforme, quindi tirare la sfoglia.
E in questo caso, Milady ha superato se stessa: ha tirato la sfoglia completamente a mano, col vecchio matterello di sua nonna, che potete vedere in foto, un bastone che ai tempi della nonna, funzionava allo scopo.

Foto1697 Foto1698

Tagliate quindi i tagliolini o le tagliatelle, come preferite. Anche il  tagliapasta è un attrezzino della nonna, perfetto per tagliolini.

Lasciate da parte e passate al condimento.

Scaldare l’olio in una larga padella o meglio, in una saltapasta, fare imbiondire lo spicchio d’aglio, unire i porcini, e portare a cottura, circa 15 minuti.

Foto1694

intanto fate lessare la pasta, scolarla e unirla al condimento in padella, mescolando per fare insaporire bene.

Unire il prezzemolo tritato a mano e servire.

Volendo, spolverare di parmigiano.

Foto1700

martedì 25 ottobre 2011

Eurochocolate (visto da Nonna Papera)….

Dalla nostra dolce inviata  e speciale…
Ore 5.30 driiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiin…… suona la sveglia!spilla_1
La dolce inviata Nonna Papera, è pronta per partire alla volta di Perugia, che per una settimana è stata capitale cioccolatosa mondiale.
Dopo aver fatto il pieno di benzina verde per dare maggiore sprint alla sua papermobile che di solito beve gasolio, allacciate le cinture, decolla!
Strada facendo Nonna Papera s’intrattiene in dialoghi che portano a frequenti divergenze col navigatore di bordo, che, tuttavia, la porta a destinazione
entro poche ore dal decollo.
Grazie ai suoi super poteri, la nostra dolce inviata, supera ogni ostacolo, riuscendo a scalare gli impervi sentieri
Foto1684
che la portano diritta, fino infondo, alla destinazione prefissa, cui nessun’altro veicolo di comune mortale ha avuto accesso, trovando perfino un posto libero per parcheggiare la papermobile proprio nella piazza principale di Perugia, nel pieno della manifestazione.
Foto1648
La giornata inizia con un bagno di folla, che cresce col passar del tempo, fino a diventare un vero e proprio fiume umano, che prende d’assalto i tantissimi stand che strabordano di cioccolata d’ogni genere, proprio come nel paese della cuccagna. L’attenzione di Nonna Papera è attirata tra l’altro, da un mega kebab di cioccolato, simile ad un enorme palo della cuccagna, che diventa ripieno di dolci tramezzini.
Foto1649 Foto1681
Quindi ecco una sosta al gremitissimo stand di “Dolcidee.it”, dove si festeggia il primo compleanno della community, e di li a poco una golosa torta ovvio, al cioccolato, sarà presa d’assalto dal numeroso pubblico presente e dalle invitate speciali, tra cui Nonna Papera. Ancora una volta i super poteri funzionano, e una delle primissime fette di torta arriva diritta fino a lei, superando l’enorme barriera umana…
Foto1657 Foto1662 Foto1667Foto1659
La giornata continua tra la visita ai vari stand per la raccolta dei vari dolci omaggi previsti, guadagnati con una dura lotta, conquistati con le unghie e con i denti, degno trofeo di questa giornata da matti.
foto1686
E tra tanti dolci, il succulento panino farcito di gustosa porchetta, scelto per il  pranzo, rappresenta il pizzico di sale che in ogni dolce, ma anche nella vita, non deve mai mancare!
Foto1671 Di seguito altri dolci momenti vissuti dalla nostra inviata e alcuni scorci di Perugia.
E’ stata proprio una dolce giornata!
Foto1675 Foto1678 Foto1676 Foto1668

 Foto1653 Foto1682Foto1673

lunedì 24 ottobre 2011

Un nuovo corso con Sal de Riso

Sabato scorso si è tenuto l’ultimo corso (per quest'anno) previsto con Sal De Riso, nell'ambito  della rassegna “Sweetlyaxidie”
Anche questa volta il Maestro ci ha deliziato con le sue preparazioni e ci ha svelato i segreti della sua arte, con la disponibilità e la cordialità di sempre.
Abbiamo visto come nasce un vero panettone natalizio,soffice e profumatissimo, seguendo le varie fasi, dalla preparazione del primo impasto con lievito madre, alla cottura e all’assaggio finale (ne avevate dubbio?????????), nonché la preparazione del famoso (e dolce preferito da Sal) Soufflé Stregato, e di una cioccolatosa torta tartufata, denominata “Chiodini”, per la decorazione di dolci funghetti  di pasta bignè e un altrettanto dolce fungo porcino, che se non avessimo visto creare sapientemente da Sal, con meringa e pasta di mandorla, si sarebbe detto del tutto un porcino fresco!
Foto1588Foto1598  Foto1605Foto1612 Foto1625Foto1616
Nonostante la giornata un po’ nuvolosa, il clima era mite e abbiamo potuto pranzare ancora una volta a Punta Scutolo, deliziandoci con un prelibato gambero croccante su letto di radicchio, una squisita pasta al ragu di riccio, e un calamaro dall’insolito ripieno di zucchine e provola su letto di lenticchie.
Foto1600Foto1617 Foto1619 Foto1620
alla fine, come sempre per la gioia degli occhi ma soprattutto del palato, il buffet preso d’assalto per le foto di rito e la grande degustazione finale anche da parte del Maestro!!! (da sinistra verso destra, nell’ordine, la torta “chiodini”, il panettone appena sfornato, e il soufflè stregato)
Appuntamento a sabato prossimo per il corso conclusivo!
  Foto1638 Foto1640           Foto1639
        Foto1641 Foto1642

venerdì 21 ottobre 2011

Frangipane alle Mele Annurche di Sal De Riso


Questa particolare torta ci è stata fatta dal maestro durante uno dei suoi corsi  alle axidie
La mela annurca, prodotto I.G.P. tipico campano, caratterizzata dal sapore acidulo e aromatico e dalla polpa croccante e soda rientra nella composizione di questo dolce.Foto1501

Un connubio di sapori, l’acidulo delle mele annurche, la delicatezza della crema frangipane,la croccantezza delle mandorle che decorano, creano un piacevole gioco di gusti.
E’ piuttosto semplice da fare, anche se ci sono vari passaggi, ma vale la pena di provare. un’ultima cosa, evitate di sostituire le mele annurche con altra varietà.
le dosi sono per 3 torte, quindi ameno che non abbiate in casa un reggimento, suddividete per tre...
per la frolla alle mandorle:
225 g di burro
200 g di zucchero a velo
150 g di uova intere (3)
2 g di sale
60 g di farina di mandorle
1 cucchiaino di estratto di vaniglia o una bacca di vaniglia
1  cucchiaino di aroma al limone o scorza di un limone grattugiato
500 g di farina petra 5
Lavorare mettendo gli ingredienti nel mixer nell’ordine dato, unendo la farina quando gli altri ingredienti sono amalgamati, e mettere in frigo qualche ora, dopodiché stenderla e foderare una teglia.

per la crema frangipane:
300 g di burro
300 g di zucchero
300 g di mandorle in polvere
300 g di uova (circa 6)
1 bacca di vaniglia  ( o cucchiaino di estratto)
scorza di 1 limone costa d’amalfi (o 1 cucchiaino di aroma)
75 g di fecola di patate
Montare leggermente il burro morbido con lo zucchero,unire le uova 1 alla volta. mescolare fecola e mandorle in polvere , mettere gli aromi e unire al resto.

per le mele annurche
900 g di mele annurche
300 g di zucchero,
90 g di uvetta australiana,(non conosco l'origine di quella che avevo in casa)
1/2 bacca di vaniglia
succo di un limone amalfitano
cannella qb
liquore alla melannurca (omesso…) oppure rum
Sbucciare le mele e tagliarle a cubetti, metterle in padella con lo zucchero, il succo di limone, l’uvetta, infine unire la vaniglia, la cannella e il liquore.
Lasciar caramellare facendo attenzione che alla fine le mele siano ben asciutte, e raffreddare.
a sx nella foto le mele preparate da Sal, a dx quelle di Milady!
Foto1449 Foto1492
Mettere questo ripieno nella teglia foderata con la pasta frolla,
Foto1493

 ricoprire uniformemente con la crema frangipane, (usando la sac’a poche il risultato sarà più uniforme), cuocere a 180° per circa 35 minuti, deve risultare di un bel colore dorato.
 Lasciar raffreddare.
Foto1496intanto preparare la meringa svizzera per la copertura:
150 g di albumi ( Circa 5)
300 g di zucchero.
mandorle a filetti per la decorazione finale (da tostare leggermente in forno)
miscelare i due ingredienti, riscaldare al microonde o a bagno maria fino a 60°,quindi montare a neve ben ferma.
Stendere uniformemente sulla torta fredda e sistemata sul piatto da portata, Foto1497 spargere con le mandole a filetti e passare pochi minuti nel forno con la funzione grill attivata, facendo attenzione a non colorarla troppo.
 In alternativa si può fiammeggiare con l’apposito cannello.
Foto1504