sabato 25 giugno 2011

foodies 2011

Dalla nostra inviata.
Il popolo dei "foodies", gli enogastro-appassionati,  ha avuto il suo primo raduno alla città del gusto a Napoli.
Si sono ritrovati veramente in tantissimi a condividere la passione più vera per i sapori autentici e genuini, cosi tanti che lo spazio non bastava....
Protagonisti della serata Maestri artigiani della nostra terra che hanno dato il meglio per la gioia dei presenti, stuzzicandone e deliziandone i palati, rispondendo nel contempo con la massima disponibilità alle tante domande che venivano proposte sui prodotti presentati e accuratamente selezionati, dal dolce al salato.
La serata si è aperta cominciando a gustare con gli occhi le ricche esposizioni che ogni Maestro artigiano ha proposto, per poi passare velocemente agli assaggi veri e propri, con momenti di vero delirio collettivo con l'assalto dei vari stand....
Di seguito alcuni momenti della bella serata e alcuni degli stand presenti...

Per il Pastificio Leonessa di Cercola (NA), era presente Fabio Zingone, che ha omaggiato i presenti di una confezione assaggio di Maccheroncini rigati, per la degustazione sono stati invece presentati i "Ravioli Capresi". E' bastato l'assaggio di un solo raviolo per apprezzare la qualità del prodotto e del sugo con cui era condito.
Qui un momento dell'allestimento dello stand de La tradizione di Salvatore de Gennaro, a Vico equense, impossibile non assaggiare i formaggi tipici presentati e le altre squisitezze: ricotta affumicata di latte di vacca, caprino morbido agli agrumi della costiera, brioche rustica e marmellate, per citarne solo alcuni...
Attiguo, il tarallificio Leopoldo con i famosi taralli 'nzogn'e pepe...
Pochi passi. ed eccoci alla postazione della Cuopperia, di Cetara, con i "coppetielli" di carta con i vari fritti, e poco più in là, nel salone interno, la postazione del Consorzio della mozzarella di bufala campana Dop, impossibile da fotografare, per l'assalto di cui era oggetto. Mozzarelle, treccioni, provole.... come resistere???????
Di spalle, la postazione della Cremeria Gabriele di Vico equense, in un momento della preparazione di canapè e tartine con pan brioche rustico creme al basilico, formaggio di capra e vaccino, e del Rustichello, panino con crema al basilico e treccia al prosciutto qui immortalato nel suo lato migliore....
E' resa l'idea??????????????????
Per la ressa è stato impossibile documentare il ricco buffet offerto da NEGRONI, sponsor della serata: succulenti panini con i salumi della casa, pizza bianca con mortadella o con sugna, pomodorini gialli del vesuvio, pecorino e pancetta di zibello, e altre squisitezze...
e dopo il salato, a rappresentare degnamente il girone dei Golosi, presenti due nomi di spicco dell'Alta Pasticceria napoletana.


Per i dolci della tradizione, il Maestro Sabatino Sirica, con pastierine e capresine, sfogliatine ricce e frolle e zeppoline e babà....
La pasticceria moderna, era invece rappresentata dal Maestro Gennaro Volpe, già membro dell'Accademia Italiana Maestri Pasticcieri, Campione Italiano nel 1999 plurimedagliato in vari concorsi nazionali e internazionali, nonchè segnalato nella guida Gambero Rosso.
le sue creazioni sono state apprezzate dai presenti, che hanno preso d'assalto anche la sua postazione...

Per gli intenditori, birra a gogò, Moretti baffo d'oro, nonché acqua minerale e cocktail. Cos'altro aggiungere?
Una serata che ha posto sicuramente le premesse affinché l'evento sia un appuntamento fisso qui a Napoli, che ha valorizzato e fatto conoscere le positività e la laboriosità di questa città purtroppo al momento agli onori delle cronache ma non agli onori del mondo... e chi non c'era, può mangiarsi le mani fino ai gomiti, come Zio Paperone!!!
tradizione e innovazione. i dolci di Sirica e quelli di Volpe in compagnia del tarallo di Leopoldo,

tutti insieme appassionatamente: cuppetiello e pizza con culatello, frolle e riccia....

la preparazione delle brioche con gelato, degna chiusura della serata...
la brioche, morbida e soffice, con gelato vaniglia e panna.....




  
 


Nessun commento:

Posta un commento